animales

70 squali tigre divorano una balena, l’orrore sotto gli occhi dei turisti

Un attacco in pieno mare, a pochi metri dagli sguardi dei turisti. Queste immagini arrivano da Shark Bay, sulla costa occidentale dell’Australia, e mostrano l’attacco di decine di squali tigre (fino a 70) a una balena lunga circa 15 metri e pesante oltre 36mila chilogrammi.

Il video è stato registrato da un drone e pubblicato su Facebook dalla pagina della compagnia turistica australiana Eco Abrolhos.

 

Al momento dell’attacco la balena era già priva di vita, come raccontato dal capitano dell’imbarcazione sulla quale viaggiavano molti turisti.
Questo raggruppamento comprende più di 500 specie[1], per le quali la respirazione avviene attraverso l’utilizzo di un numero variabile tra cinque e sette di fessure branchiali. Caratteristica peculiare del corpo degli squali è che esso è ricoperto da dentelli dermici che proteggono la pelle dai danneggiamenti dovuti ai parassiti e migliorano l’idrodinamica.
Questi pesci sono inoltre dotati di varie serie di denti di riserva, che intervengono in sostituzione di quelli persi o danneggiati[2].

Le dimensioni degli squali spaziano da quelle del minuscolo squalo lanterna nano (Etmopterus perryi), una specie che vive in profondità e che misura soltanto 17 cm in lunghezza nel maschio, e 20 nella femmina[3], a quelle dello squalo balena (Rhincodon typus), il pesce più grande in assoluto[4].

Tutti gli squali sono carnivori e la maggior parte di loro si nutre di pesci ed altri animali marini, a differenza degli esemplari più grandi, come il succitato squalo balena, che si nutrono principalmente di plancton.
In genere si immagina che gli squali vivano soltanto in acque salate, ma lo squalo dello Zambesi (Carcharhinus leucas) è solo il più conosciuto di una serie piuttosto numerosa di specie di squali d’acqua dolce che nuotano sia in acqua salata che in acqua dolce, così come in quella dei delta fluviali[5].

In conseguenza di attacchi anche non provocati ai danni di esseri umani, operati da alcune specie in particolare, gli squali hanno guadagnato la fama, solo in parte giustificata, di essere pericolosi.

Anche per questo motivo, oltre che per il fatto che la loro carne è considerata pregiata in molti stati asiatici, diverse specie di squalo sono sottoposte a pesca intensiva che li pone in pericolo di estinzione.
Il filmato girato nelle acque cristalline di Shark Bay, sulla costa occidentale dell’Australia, mostra il banchetto di una settantina di squali tigre attorno a una balena morta. E’ stata una compagnia turistica australiana a pubblicare le immagini riprese da un drone con l’acqua cristallina che ha lasciato il posto al rosso sangue della carcassa martoriata. Non è chiaro se la megattera, lunga 15 metri, sia morta per aver nuotato in acque poco profonde o sia stata uccisa dall’attacco dei pescecani. Il luogo dell’attacco è famoso per ospitare una delle più grandi colonie di squali tigre al mondo







Al momento dell’attacco la balena era già priva di vita, come raccontato dal capitano dell’imbarcazione sulla quale viaggiavano molti turisti.